Dacci il tuo Like e condividi il post con i tuoi amici!

Presentata nel 2012 con cilindrata di 700cc, per poi evolvere nel 2014 con l’aumento a 750cc, la NC750X ha rapidamente conquistato il mercato nazionale. I motivi del suo successo? Motore bicilindrico poco assetato e generoso nelle prestazioni, posizione di guida piacevole e attiva, sospensioni in grado di digerire ogni asperità, il tutto confezionato in un design grintoso e accattivante.

Le sensazioni che questa moto offre sono inaspettate. Anche con motore spento, malgrado l’ingombro trasversale molto ridotto, ci si sente protetti, grazie al parabrezza alto che distribuisce il modo uniforme le turbolenze d’aria.
La sella è ampia e perfettamente rifinita e termina sopra alla luce posteriore a LED con lente bianca che, assieme al silenziatore compatto, contribuisce al look aggressivo del modello.
Tratto distintivo della NC750X è il vano portacasco anteriore da 22 litri, mente lo sportello è dotato di guide utili a fissare un bagaglio aggiuntivo o a montare una borsa da serbatoio.

La strumentazione è dotata di display LCD e comprende anche il trip computer per i consumi. È possibile scegliere la colorazione delle barre del contagiri e l’intensità dell’illuminazione in base alla marcia inserita. Quando l’impostazione della colorazione del display LCD è fissata su un singolo colore sono disponibili altre due opzioni: ECO e SHIFT. Con la colorazione impostata su ECO il colore del display cambia in azzurro se si guida con buona efficienza dei consumi, e in verde se si guida in modo ancora più efficiente. Se invece si imposta la colorazione su SHIFT il colore del display cambia in arancione quando i giri motore superano un livello preimpostato dal pilota.

Altra caratteristica che decreta il successo della Honda NC750X nel mercato italiano è la possibilità di installare sulla moto il cambio Honda DCT. Il suo funzionamento è molto avveniristico: utilizza due frizioni coassiali, una per le partenze e le marce dispari e l’altra per le marce pari. L’ingombro è esattamente identico a quello di un cambio tradizionale e assicura cambiate precise ed affidabili. Alla guida, la sensazione di controllo e divertimento è pressoché totale.

Il sistema DCT è dotato di due modalità automatiche AT e della modalità MT per cambi marcia manuali, con palette al manubrio.

La modalità D (Drive) automatica è la più adatta per ottimizzare i consumi, sia in autostrada che nel traffico cittadino. La modalità S (Sport, che si declina nelle modalità S1, S2 ed S3) prevede passaggi alle marce superiori e inferiori a un regime più elevati, per dar risalto alle doti sportive della NC750X. In ogni modalità è csempre possibile un immediato intervento manuale, basta agire sulle palette al manubrio della modalità MT.

Il cambio DCT è inoltre dotato di Adaptive Clutch Capability Control, un sofisticato sistema di gestione delle due frizioni che riduce la quantità di coppia trasmessa alla ruota per rendere più fluida la guida, soprattutto a bassa velocità.

Honda NC750X

Il telaio della NC750X è una rigida struttura in acciaio con struttura a diamante, la sella è ad altezza di 830 mm, (quota alla quale la stragrande maggioranza dei piloti può posare i piedi a terra), il manubrio largo ha tutti i comandi raggiungibili facilmente, le pedane permettono di percorrere lunghissime distanze senza avvertire alcun indolenzimento o stanchezza, solo godendosi il senso di libertà e il paesaggio circostante.

Il serbatoio da 14 litri, sottosella, contribuisce ad abbassare il baricentro.

All’anteriore, la forcella Showa con steli da 41 mm ha un’escursione di 153,5 mm ed è dotata del sistema ‘Dual Bending Valve’, sistema idraulico che permette la generazione di una forza ammortizzante proporzionale alla velocità del pistone interno, ottimizzando il livello di comfort.
Il monoammortizzatore con escursione di 150 mm e dotato di regolazione del precarico molla, e il forcellone in acciaio dotato di leveraggio Pro-Link, assicurano un controllo eccellente sulle sollecitazioni più dure.

L’impianto frenante, con ABS di serie, prevede freno anteriore da 320 mm con profilo irregolare, morso da una pinza a due pistoncini e il posteriore da 240 mm con pinza a singolo pistoncino. La leva del freno anteriore è regolabile nella distanza dalla manopola su 6 posizioni.
I cerchi da 17 pollici a razze sdoppiate montano pneumatici da 120/70 ZR17 anteriore e 160/60 ZR17 al posteriore.
Il cuore della NC750X è un bicilindrico parallelo Euro4 da 55CV a 6.250 giri/min e 68 Nm a 4.750 giri/min, e garantisce prestazioni divertenti in qualsiasi contesto. L’alimentazione a iniezione elettronica contribuisce a garantire un’autonomia totale superiore ai 400 km.

La NC750X è disponibile in ben 4 varianti cromatiche (Candy Chromosphere Red, Matte Pearl Glare White, Matte Gunpowder Black Metallic e Glint Wave Blue Metallic) e vanta un ricco catalogo di accessori, ed è disponibile anche in versione Travel Edition, ovvero accessoriata per il turismo, anche a lungo raggio.

Perché spendere somme a 5 cifre, quando con meno di 10000 euro è possibile avere un mezzo dalla cubatura interessante, consumi veramente bassi, ciclistica pensata per il comfort e soprattutto dotato dei più evoluti sistemi elettronici di sicurezza? Con la Honda NC750X è possibile vivere un’esperienza di viaggio di livello premium, senza sborsare cifre premium e senza tralasciare alcun dettaglio, come vuole la tradizione Honda.

Dacci il tuo Like e condividi il post con i tuoi amici!